L'alcalinità dell'acqua della piscina indica la quantità di ioni idrossido (OH-) e ioni carbonato (CO32-) nell'acqua: si tratta di uno dei parametri più importanti per mantenere l'acqua pulita e salubre per il nuoto per la relazione che si instaura con gli ioni all’interno della vasca. 

Vediamo adesso cos’è, più nello specifico, l’alcalinità dell’acqua, cosa succede se l’acqua della piscina è troppo alcalina; come abbassare l'alcalinità dell’acqua della piscina e come fare a trovare il giusto bilanciamento. 

Alcalinità acqua piscina: cos’è

L'alcalinità si riferisce alla quantità di ioni idrossido e carbonato presenti all’interno dell’acqua della vasca: tenere questo valore sotto controllo è molto importante in quanto, se così non fosse, si rischierebbe di compromettere la salubrità dell’acqua e di esporre i bagnanti a possibili rischi. L'alcalinità viene misurata in parti per milione (ppm) e l'intervallo di alcalinità raccomandato per l'acqua della piscina è generalmente compreso tra 80 e 120 ppm.

L'alcalinità influisce sul pH dell'acqua: se questo valore è inferiore a 7 indica che l'acqua è acida, mentre un pH superiore a 7 indica che l'acqua è alcalina. In linea generale, l'intervallo di pH raccomandato dagli esperti deve restare compreso tra 7,2 e 7,8.

Alcalinità alta in piscina

Nel caso di alcalinità della piscina alta, cosa fare? Può accadere che il pH dell'acqua possa diventare troppo alcalino, con una conseguente formazione di depositi di calcare e una maggiore possibilità di alghe. Inoltre, se l’alcalinità piscina è alta si può verificare una riduzione dell'efficacia del cloro e altri disinfettanti.

Le cause dell’elevata concentrazione di alcalinità possono essere molteplici, tra i principali motivi troviamo:

  • uso eccessivo di prodotti chimici per la pulizia e il mantenimento dell'acqua;
  • aggiunta di bicarbonato di sodio;
  • uso di acqua della rete idrica ad alta alcalinità.

Abbassare l’alcalinità della piscina

Se l'alcalinità dell'acqua della piscina è troppo alta, è necessario abbassarla per evitare problemi di pulizia e igiene dell'acqua e, per farlo, esistono diversi modi e prodotti:

  • Acido muriatico: questo è un prodotto chimico utilizzato per abbassare l'alcalinità dell'acqua della piscina. L’acido muriatico deve essere maneggiato con cautela: è importante seguire le istruzioni con la massima attenzione al fine di evitare rischi per la salute, oltre che a possibili danni alle superfici della piscina;
  • Bicarbonato di sodio: il bicarbonato di sodio può essere utilizzato per aumentare l'alcalinità dell'acqua della piscina, ma può anche essere utilizzato per abbassarla. Infatti, l’aggiunta di bicarbonato può aiutare a diminuire la quantità di ioni carbonato nell'acqua, con un’immediata riduzione dell'alcalinità:
  • Aria compressa: agitare l'acqua della piscina consente di aumentare l'evaporazione degli ioni di carbonato, un metodo semplice ed efficace che può aiutare a ridurre l'alcalinità dell'acqua della piscina;
  • Cambio d'acqua: se i metodi precedentemente suggeriti non risultano efficaci è possibile fare ricorso al cambio d'acqua. Rimuovere una parte dell'acqua della piscina e sostituirla con acqua fresca può, infatti, aiutare a ridurre l'alcalinità e ripristinare l'equilibrio.

Come si ottiene la giusta alcalinità nell'acqua della piscina

In conclusione, come si regola l’alcalinità in piscina? Per mantenere la giusta alcalinità dell'acqua della piscina, è importante testarne regolarmente i livelli delle acque e, se necessario, utilizzare prodotti chimici per il mantenimento della salubrità dell’acqua, anche chiedendo aiuto ad esperti del settore. 

Con un po' di sforzo e attenzione, è possibile assicurarsi un ambiente in cui godere del meritato relax. Prendersi cura della propria vasca è quindi un’operazione fondamentale per garantire una balneazione salubre. 

Prevenire, però, è sempre meglio che curare e, oggi, sono molteplici i modi per raggiungere la giusta alcalinità dell'acqua della piscina, tra cui:

  • Testare regolarmente l'acqua: disponibili sul mercato ci sono dei kit per i test dell'acqua della piscina. Utilizzarli con ciclicità aiuta a identificare eventuali problemi di alcalinità, così da poterli ripristinare prima che diventino seri;
  • Utilizzare prodotti chimici per il mantenimento dell'acqua della piscina: esistono diversi prodotti chimici per il mantenere equilibrati i livelli dell'acqua della vasca. A seconda delle esigenze, è possibile richiedere ad aziende specializzate prodotti creati proprio per aumentare o ridurre l'alcalinità dell'acqua;
  • Controllare il pH dell'acqua: come già accennato, l'alcalinità dell'acqua della piscina influisce sul pH dell'acqua e, se tenuto sotto controllo, previene la possibilità di squilibri;
  • Ridurre l'uso di prodotti chimici: l'uso eccessivo di prodotti chimici per la pulizia e il mantenimento dell'acqua può influire negativamente sull'alcalinità dell'acqua della piscina. Utilizzare detergenti va bene, ma mai esagerare: è importante procedere con cautela quando si utilizzano questi prodotti e assicurarsi di seguire con attenzione le istruzioni riportate dall’azienda produttrice.

Noi di Unica Pool mettiamo il nostro team quotidianamente a disposizione dei nostri clienti: per informazione o richiesta potete contare sulla nostra assistenza clienti che sarà ben lieta di delucidare ogni vostro dubbio ed esaudire eventuali richieste.

Funzionali e di design, le piscine di Unica Pool sono un prodotto di eccellente qualità e in continua evoluzione: uniamo l’esperienza raccolta in anni di lavoro nel settore alle più innovative tecniche di costruzione per assicurare un prodotto unico e su misura delle vostre esigenze. Il tutto, rigorosamente Made in Italy.