Le piscine fuori terra sono progettate per essere collocate su un terreno ben livellato. Dunque, per poter installare la propria vasca senza problemi, è necessario prima occuparsi di tutte le azioni preliminari. Tra queste la più importante è costituita dal livellamento del terreno per la posa della piscina.

Per scegliere la migliore posizione per la propria vasca è necessario considerare diversi aspetti come la qualità e tipologia del terreno, la presenza di eventuali linee elettriche sotterranee, di tubazioni di gas o acqua e infine la sua esposizione al vento e al sole. Dunque la scelta del terreno e le operazioni di livellamento sono il punto di partenza per creare un angolo di massimo comfort del quale godere pienamente.

Perché è importante preparare il terreno?

Livellare il terreno per la posa della piscina è un’azione necessaria da svolgere quando si acquista un modello fuori terra. Infatti, sottovalutando tale aspetto, si rischia di installare un impianto che sia sbilanciato o in pendenza. Posare la piscina su una superficie perfettamente in piano è fondamentale dal momento che un terreno inclinato o sconnesso potrebbe danneggiare la struttura ed essere rischioso per i bagnanti.

In commercio è possibile trovare diverse soluzioni per preparare il terreno prima della posa della vasca. La scelta dipende sia dal modello della piscina sia dal terreno stesso. Ad esempio, si può acquistare un tappetino protettivo, affidabile, duraturo e disponibile in diverse grandezze e forme. È anche possibile scegliere un tappeto componibile nel caso in cui si abbiano particolari esigenze, in relazione alla forma e alla dimensione della struttura. 

1° step: scegliere l’area della posa e ispezionarla

Per modellare il terreno sul quale posare la piscina si devono seguire alcuni passaggi: si comincia con l’analisi e l'ispezione dell’area e si conclude con la scelta del migliore tappetino. Dunque, il primo passo consiste nello scegliere l’area ideale per la posa e ispezionarla: si tratta di tracciare la zona di installazione. 

Scegliere il luogo ideale significa ricercare una superficie che sia piana e uniforme, non soggetta ad allagamento in caso di intemperie e lontana da eventuali fonti elettriche. È preferibile prediligere una zona protetta dal vento e dal sole diretto, per evitare che la piscina si usuri più velocemente. Inoltre, il terreno perfetto deve anche essere privo di piante ed erbacce che, crescendo, potrebbero prima forare il liner e poi danneggiare la base della vasca.

2° step: preparare e livellare il terreno

Dopo aver individuato e tracciato chiaramente l'area, si procede con il secondo momento: la preparazione del terreno. In generale, se sono presenti dei dislivelli, non si aggiunge altro terreno, ma si scava per uniformare la zona. Dopo aver livellato gli eventuali dossi, si procede rimuovendo tutte le parti in eccesso: erbacce, radici e pietre presenti sul suolo.

A seconda della composizione del giardino, la piscina fuori terra può essere adagiata su:

  • prato: è necessario che l’erba sia morbida e fine per non danneggiare il liner creando graffi o buchi. Quindi, se si opta per tale soluzione, in presenza di una vegetazione troppo invasiva, è necessario prima rimuovendola, per creare un terreno piano e uniforme. Si tratta della superficie più difficile da trattare e alla quale prestare particolare attenzione, ma comunque idonea se adeguatamente trattata e preparata;
  • cemento: rappresenta sicuramente una solida base di appoggio, che garantisce la massima stabilità e una maggiore facilità di lavaggio e livellamento.
  • sabbia: solitamente, per evitare eventuali danni al liner o alla struttura, si cosparge il piano con un sottile strato di sabbia da irrigare e compattare attraverso un rullo da giardino.

3° step: scegliere il tappetino protettivo

Sia che si tratti di prato, che di cemento o sabbia, la soluzione ideale per posizionare la piscina in tutta sicurezza è sempre il liner. Si tratta di un tappetino protettivo per isolare il suolo della piscina dal fondo sottostante. Essendo costituito da un materiale sintetico è ideale per creare uno strato resistente ma morbido.

I tappetini protettivi sono disponibili in diversi modelli, a seconda della forma e dimensione della piscina. Inoltre, è anche possibile acquistare un liner componibile, simile a un puzzle, così da sfruttare al meglio lo spazio a disposizione.

Tuttavia, è bene sottolineare che le piscine Unica Pool, a differenza di tutte le altre piscine, non necessitano di un tappetino su cui essere posate, bensì vengono installate su una base piana.

4° step: posare la piscina

Infine, dopo aver modellato al meglio il suolo per renderlo uniforme, si procede alla posa della piscina. In particolare è bene sapere che, a seconda del modello scelto, varia il tipo di preparazione del terreno. Per una vasca con struttura metallica è preferibile usare come base d’appoggio l’erba, sulla quale situare un blocco di legno e cemento, a garanzia di una massima resistenza. 

La scelta della piscina deve essere fatta seguendo il proprio gusto personale, prestando attenzione ad estetica e funzionalità. Infatti, è bene acquistare una vasca perfettamente in linea con lo stile della casa e del giardino e di una dimensione tale da risultare proporzionata e integrata con l’ambiente. 

Consultando il ricco catalogo di Unica Pool si possono trovare tante soluzioni diverse, da adattare alle proprie necessità. Si tratta di prodotti innovativi e di altissima qualità, perfetti per aggiungere un tocco moderno al proprio giardino e per creare l'angolo di relax dei propri sogni.

fonti: