Chi possiede una piscina nella propria casa sa quanto possa essere problematico quando l’acqua diventa bianca o lattiginosa. Infatti, per poter utilizzare la struttura in tutta sicurezza, è fondamentale mantenere sempre alta la qualità dell’acqua, così che questa possa apparire limpida e trasparente. 

In caso di acqua biancastra è necessario intervenire tempestivamente, per rendere di nuovo agibile la piscina. Dunque, adottando le opportune precauzioni e agendo in modo corretto, si torna in breve tempo ad avere una struttura perfettamente funzionante.

Quali sono le cause dell’acqua bianca?

Per poter utilizzare la piscina e godere del massimo comfort è necessario risolvere il problema dell’acqua bianca. Per comprendere in che modo intervenire e come eliminare il problema, si procede prima individuando e analizzando le cause. Infatti, a seconda del motivo alla base di tale disagio, si progetta un intervento diverso e su misura.

Tra le principali cause dell’acqua bianca e torbida si ricordano le seguenti:

  • troppo cloro: un dosaggio sbagliato ed esagerato del cloro può provocare un’alterazione dell’equilibrio e dell’aspetto dell’acqua, intorbidendola;
  • pH troppo alto: è essenziale misurare periodicamente il pH, per accertarsi che questo sia sempre in un range di valori che va tra 7,2 e 7,6. In particolare, quando il pH è troppo alto l’acqua diventa torbida e insana, compromettendo il comfort;
  • sporco e alghe: è possibile che i detriti si depositino sullo strato superficiale dell’acqua, alterandone il colore. Allo stesso modo, quando sono presenti alghe nella piscina l’acqua diventa meno pulita, diminuendo la sicurezza dei bagnanti;
  • maltempo e pioggia: soprattutto nel caso di vasche all’aperto, è importante trattare l’acqua della piscina con gli appositi prodotti dopo le giornate di pioggia. Infatti, le sostanze chimiche che naturalmente sono contenute nelle gocce potrebbero alterare la salubrità della piscina;
  • usura del sistema di filtraggio: se il filtro dovesse essere sporco o danneggiato, potrebbe non svolgere bene il suo lavoro e compromettere l’acqua. Normalmente, il sistema di filtraggio si occupa di eliminare i batteri e tutti i detriti organici che, altrimenti, si sedimentano sulla superficie alterando il colore.

Sia che si tratti di una piscina interrata che fuori terra e di una vasca ad acqua dolce o salata, il primo passo è sempre individuare la causa dell’alterazione del colore. Infatti, nel caso di un danno al filtro potrebbe essere sufficiente cambiare tale componente, senza effettuare ulteriori trattamenti chimici nella vasca.

Acqua bianca in piscina: cosa fare e come prevenirla

Dopo aver determinato la causa che ha alterato l’equilibrio chimico dell’acqua della vasca e l’ha resa bianca, si procede individuando delle possibili soluzioni. Si indica di seguito un generico procedimento da seguire per ripulire l’acqua della vasca e per eliminare il problema:

  1. misurare il pH: si comincia individuando chiaramente il valore del pH per capire di quanto questo sia irregolare;
  2. trattamento anticalcare: si discioglie nell’acqua l’apposito trattamento per eliminare il calcare e per abbassare il valore del pH;
  3. attivare il filtro: si procede filtrando l’intero volume della vasca, per comprendere se il problema è stato risolto e se è possibile nuovamente utilizzare la struttura in sicurezza;
  4. pulire il filtro: dopo aver ristabilito l’equilibrio e aver osservato un’acqua cristallina e trasparente, si conclude il trattamento pulendo il filtro come di consueto.

Intervenire tempestivamente una volta riconosciuto il problema dell’acqua bianca è importante, ma è ancora più utile attuare degli interventi di prevenzione. Dunque, per prevenire l’acqua torbida in piscina è sufficiente monitorare continuamente i valori chimici e i parametri. Nel caso in cui si registrino dei dati diversi da quelli stimati, si procede con gli appositi prodotti, evitando che il problema si ingrandisca.

In particolare, nella stagione estiva, quando le temperature si alzano e si fa un uso più frequente dell’impianto, i controlli devono essere più frequenti. In tali situazioni - soprattutto quando diverse persone utilizzano la vasca nello stesso momento - si devono prevedere anche dei trattamenti extra, sempre in un’ottica di prevenzione e controllo.

In generale, per evitare l’intorbidimento dell’acqua, è sempre utile pulire regolarmente la vasca e mantenere una temperatura dell’acqua ottimale. Solamente attraverso una manutenzione accurata dell’intera struttura si può eliminare il problema dell’acqua bianca e utilizzare la propria piscina in ogni stagione, senza correre alcun rischio per la salute.

Rischi dell’acqua della piscina bianca 

Quando si nota che l’acqua della piscina sta cambiando colore, diventando biancastra e torbida, non bisogna sottovalutare il problema. Infatti, spesso la poca trasparenza è sinonimo di acqua sporca, in cui i batteri proliferano e le infezioni si diffondono più facilmente.

Sia che si tratti di un impianto pubblico che privato, in caso di acqua bianca è assolutamente sconsigliato continuare ad utilizzare la vasca. Dunque, in caso di acqua torbida si rischia di contrarre molto più facilmente un’infezione cutanea, come per esempio la micosi. Il rischio è alto anche di mostrare conseguenze gastrointestinali, causate dall’ingestione di acqua contaminata.

Prendersi cura della propria piscina ogni giorno è il primo passo per aumentare il comfort dell’impianto e per godere al massimo della struttura. Unica Pool ha molto a cuore il tema della pulizia dell’acqua. Infatti, progetta le sue vasche pensando solo ai migliori sistemi filtranti in commercio, per garantire la massima tutela delle persone e minimizzare il fenomeno dell’acqua bianca.