Le piscine fuori terra sono la scelta più diffusa e più comoda per chi desidera avere un angolo di comfort nel proprio giardino senza tutte le complicazioni di una piscina interrata in muratura. Grazie alla facile e veloce installazione, questo tipo di vasca si adatta davvero a tutti gli ambienti, ma è importante scegliere una base per piscina fuori terra adatta alle proprie esigenze.

A seconda del terreno le opzioni cambiano e si adattano alle differenti strutture, e conoscerle in dettaglio rende la scelta più consapevole e facile. Non si tratta solo di una questione estetica, la base deve anche essere funzionale e proteggere il terreno sottostante dalla piscina stessa.

Platea per piscina fuori terra: perché è importante?

Nell'installazione di una piscina fuori terra la prima decisione ricade sulla scelta del terreno migliore. Si parla della platea per la piscina fuori terra e della sua estrema importanza. La piattaforma da costruire o la pavimentazione sotto la vasca fuori terra dipende anche dalla qualità del terreno sottostante. Per questo, la scelta della zona è fondamentale ed è importante farsi affiancare da professionisti per essere certi di non commettere errori. 

La zona ideale dovrà essere una superficie piana e uniforme, priva di pendenze, accumuli di terra, buche o dossi. Questo perché il terreno individuato deve essere in grado di sopportare il peso della piscina in modo uniforme, rendendola più stabile. Per questo terreni fangosi o cedevoli sono altamente sconsigliati.

Dopo aver individuato l’area, si deve passare alla fase di preparazione del terreno. Infatti, anche se si sceglie una zona piana e uniforme, tale porzione di terra deve comunque essere trattata e adattata alla vasca. Si può scegliere di posizionare la piscina sul cemento, sulla sabbia o sul prato, fermo restando che la superficie sia ben livellata e piana. In generale, uno strumento molto utile è il tappeto protettivo di sottofondo. Quest’ultimo aiuta a incrementare la durata della vasca, a tutelare la struttura e a mantenerla in buone condizioni.

Cosa mettere sotto la piscina fuori terra?

Pavimentazione in legno

Sotto una piscina fuori terra è possibile installare un basamento in legno pregiato dalle particolari caratteristiche, in grado di offrire resistenza al peso e all’umidità grazie alle caratteristiche naturali del legno.

Una vasca fuori terra con pavimento in mattonelle di pino impregnato è la scelta più in uso per questa tipologia di fondo per piscine: una pavimentazione molto semplice composta da mattonelle in legno di pino resistenti all’acqua, soluzione che combina la praticità con l’estetica, essendo un legno molto raffinato.

La pavimentazione in legno può anche essere personalizzata a piacere, modellando la forma a seconda delle esigenze personali e del proprio gusto, anche se molto dipende dallo spazio che si ha a disposizione.

Base in terra per piscina fuori terra

Posizionare la piscina sul prato è senza dubbio la scelta più economica, ma probabilmente quella meno duratura e sicura. Scegliere il terreno, come detto, non è facile e trovare una zona che rispetti tutte le specifiche può richiedere un grande sforzo. Se, infatti, si dovesse riporre la piscina su un’area morbida e poco solida, la vasca si romperebbe in breve tempo, causando gravi danni.

Inoltre, quando è presente l’erba, è bene tagliarla molto corta prima di mettere la vasca. Se si tratta di una struttura gonfiabile, infatti, alcuni fili di erba potrebbero rovinare il rivestimento. Per le strutture rigide e più pesanti, al contrario, il rischio è proprio di bruciare una porzione di vegetazione, a causa della pressione esercitata sul terreno. Un effetto molto fastidioso nel momento in cui si decide di smontare la vasca. È quindi necessario fare tale scelta con massima attenzione e rimuovere tutti i corpi estranei, come sassolini e rametti, che potrebbero ostacolare la buona riuscita dell'installazione.

Telo base per piscina fuori terra

Il telo viene posizionato tra il terreno e la vasca. Si tratta di un tappeto di sottofondo apposito per piscine. Il suo scopo, infatti, è quello di fornire uno strato morbido e resistente, per far sì che né la vasca né l’area sottostante subiscano danni con il tempo. Talvolta tale telo viene dato in dotazione con la piscina, altre volte invece va acquistato della dimensione adatta alla vasca e possibilmente del medesimo marchio. 

Le opzioni in commercio sono diverse, soprattutto per quanto riguarda la scelta del tessuto. Si può optare per una soluzione in feltro o in pvc, materiali traspiranti e adatti anche ad evitare la formazione di muffe. Il telo, inoltre, può essere acquistato pretagliato delle dimensioni perfette oppure nelle versioni standard. L’obiettivo è scegliere un tappeto resistente alle intemperie, impermeabile e traspirante. Tale combo, infatti, garantisce un’adeguata tutela del terreno e un buon supporto per la vasca.

Base in cemento per piscina fuori terra

Il basamento in cemento è una delle possibilità tra le quali scegliere. Come è facile immaginare si tratta dell’opzione più costosa e difficile da installare, ma sicuramente la più resistente e duratura. La rigidità del materiale garantisce una stabilità senza paragoni alla piscina e un terreno perfettamente piatto.

In ogni caso, si tratta di una scelta che richiede tempi più lunghi del solito per l’installazione e costi maggiori. Si parla, infatti, di una base costruita per mano di professionisti. Anche in tal caso è necessario procurarsi il telo protettivo di sottofondo, da posizionare tra il cemento e la vasca. Questo perché la base ruvida potrebbe danneggiare la piscina.

Piscina fuori terra senza basamento

In generale, è altamente sconsigliato posizionare la piscina senza alcun tipo di basamento. Inserire una protezione tra il terreno e la vasca, seppur solamente il telo, è necessario. Quando si prendono tali decisioni, infatti, non bisogna farsi prendere dalla fretta, ed è importante valutare tutti gli step utili per poter godere al meglio della propria vasca.

Tuttavia le piscine Unica Pool non presentano questa problematica, in quanto non necessitano di particolari basamenti e possono essere posizionate su qualsiasi tipo di superficie pianeggiante.

Come fare la base per piscina fuori terra

Per realizzare la base della piscina si parte dall’analisi dell’area di terra da utilizzare. Quando si individua il terreno, non è sufficiente accertarsi che non sia in pendenza. Infatti, sono diversi gli aspetti da considerare:

  • ispezionare il sottosuolo: è importante che la piscina si trovi in una zona lontana dalle linee della tensione e che nel sottosuolo non siano presenti tubi e cavi di alcun tipo. Infatti, anche se non sono presenti scavi, è bene avere il sottosuolo completamente libero; 
  • distanza dagli alberi: posizionare la piscina lontano dalla vegetazione è un'accortezza non essenziale, ma utile se si desidera mantenere la vasca sempre pulita. Dagli alberi potrebbero, infatti, cadere foglie, rametti e polline che inevitabilmente inquinerebbero la vasca;
  • evitare le superfici rialzate: zone come i balconi e i soppalchi non sono indicati per una piscina fuori terra. Il peso della stessa potrebbe essere eccessivo;
  • esposizione alla luce: un posto esposto alla luce del sole consentirà di avere un clima migliore all’interno della vasca e di rendere l’esperienza più confortevole.

Il passo successivo è di scegliere tra una delle basi prima descritte e poi procedere con l’installazione della propria piscina fuori terra, sicuri di avere una pavimentazione solida e ben posizionata a supporto.

Fonti: