L’elettrolisi al sale è un sistema di disinfezione dell’acqua della piscina, basato sul processo naturale dell’acqua del mare. Si parla di una soluzione molto efficace per garantire la massima pulizia dell’impianto senza utilizzare prodotti chimici e quindi, ottenendo un risparmio economico e un maggiore benessere per i bagnanti. Affinché l’elettrolisi funzioni è necessario installare un clorinatore e mettere il sale, a questo punto l’intero processo avverrà in automatico senza il supporto umano.

Elettrolisi al sale per piscine

L’elettrolisi al sale per piscina è un metodo per disinfettare e igienizzare in modo automatico l’acqua. Tale procedura prende spunto dal processo che avviene normalmente in natura, all’interno dell’acqua marina. Da un punto di vista tecnico, l’elettrolisi consiste essenzialmente nella diffusione continua e costante di cloro, per poter allontanare i batteri, le alghe e tutti i microrganismi potenzialmente dannosi e per ottenere un’acqua pura e limpida.

Il processo di elettrolisi al sale consiste nella produzione continua di sale. Chimicamente questo avviene attraverso la scissione del cloruro di sale in sodio e cloro grazie a un campo magnetico, dando origine all’ipoclorito di sodio. Tale sostanza è in grado di disinfettare l’acqua, uccidere i batteri, bloccare la crescita e nascita di funghi e alghe. Ne risulta un’acqua pulita, igienizzata e limpida per garantire il massimo comfort ai bagnanti.

L’intero processo avviene per mezzo di uno strumento fondamentale: il clorinatore. Questo viene posizionato alla fine della linea del filtro, prima dell’ingresso dell’acqua depurata all’interno dell’impianto ed entra in funzione quando si aziona la pompa del filtro. Si tratta di installarlo e di aggiungere 4 g di sale per ogni litro di acqua. A questo punto il sale agirà a contatto con l’acqua, disinfettando la vasca ed eliminando le materie organiche indesiderate.

Tra i principali vantaggi dell’elettrolisi salina si ricordano i seguenti:

  • minori costi: trattandosi di una piscina salata, non è necessario acquistare i tradizionali e numerosi prodotti chimici per garantire la sua pulizia. In tal modo i costi totali si riducono notevolmente;
  • maggiore qualità dell’acqua: grazie alla possibilità di igienizzare l’acqua naturalmente, la sua qualità aumenta, così da garantire sempre e comunque la pulizia;
  • assenza di prodotti chimici: non utilizzare prodotti chimici significa risparmiare, evitare i rischi di trasporto per la consegna degli stessi e affidarsi a metodi naturali e sostenibili. Si eliminano anche tutti i problemi di stoccaggio e dosaggio della sostanza;
  • automatizzazione del sistema: l’accensione e lo spegnimento sono automatici e temporizzati, così da poter gestire l’impianto anche a distanza. Infatti, si predilige questa soluzione soprattutto nelle seconde case;
  • benessere fisico: fare il bagno in una piscina con elettrolisi salina regala un’istantanea sensazione di benessere. Infatti, il corpo e la pelle traggono maggiore beneficio rispetto a quando ci si immerge in una piscina in cui si utilizzano sostanze artificiali.

Anche se i costi diminuiscono perché non si acquistano i prodotti, è necessario considerare la spesa da sostenere per il clorinatore che cresce in base alla dimensione della vasca e alla quantità di acqua da disinfettare.

È bene considerare anche un importante svantaggio degli impianti con elettrolisi a sale: la costante manutenzione. È necessario prestare molta attenzione alla cura della vasca, perché il sale tende ad alzare il pH. Quindi, si tratta di monitorare tale dato affinché non diventi troppo acido e dannoso per la pelle. Questo procedimento può essere fatto manualmente oppure acquistando un sistema di controllo e dosaggio automatico del pH, per automatizzare il procedimento.

Piscina a sale: come funziona

Quando si possiede una piscina, uno dei principali pensieri fa riferimento a come mantenere pulita l’acqua. Uno dei modi più efficaci per garantire un’adeguata disinfezione e liberare il volume da qualsiasi sostanza nociva è l’elettrolisi per piscina. Si parla di un metodo per igienizzare la vasca in modo automatico.

Il principio alla base di tale meccanismo prende origine dal fenomeno naturale dell’ecosistema marino. Nel caso delle piscine, l’agente disinfettante è il cloro ma, a differenza dei metodi tradizionali, la sostanza non viene immersa direttamente in acqua, ma si crea grazie all’utilizzo del clorinatore e del sale. Tutto parte da una reazione chimica.

Per sua natura il sale contiene cloro inattivo, quindi ha potenzialmente un forte potere igienizzante. L’obiettivo dell’elettrolisi è proprio liberare tale potenziale e riuscire a disinfettare la vasca attraverso il sale. Praticamente, il processo si articola nei seguenti step:

  1. avviene un passaggio di corrente nella cella del cloratore;
  2. il sale contenuto qui viene coinvolto in questa reazione, trasformando in attivo il cloro;
  3. il cloro in arrivo viene poi disciolto nell’acqua svolgendo la sua azione di disinfezione.

Dall’esterno tali passaggi non sono visibili, perché tutto avviene all’interno della vasca senza intralciare l’impatto estetico dell’impianto. Il cloro viene trasformato in attivo e quindi prodotto direttamente nell’acqua, senza la necessità di discioglierlo manualmente. Ne deriva, quindi, non solo una maggiore praticità nella gestione della piscina, ma anche un processo naturalmente più ecologico e salutare per i bagnanti e per l’acqua.

Quanto sale serve per elettrolisi?

Per garantire la massima efficienza del processo è necessario inserire 4 grammi di sale per ogni litro di acqua. Questa è la regola generale, ma la quantità precisa di sale può variare leggermente a seconda del tipo di cloratore in uso. Il range entro il quale ci si muove per garantire la disinfezione dell’acqua è tra i 3,5 e i 4,5 kg/m3.

Il sale da solo non ha un potere disinfettante. Viene comunque utilizzato negli impianti perché contiene cloro e attraverso delle reazioni chimiche si trasforma in cloro attivo ed è in grado di igienizzare la vasca. In ogni caso è bene sottolineare che la concentrazione di sale in una piscina è di gran lunga inferiore rispetto a quella del mare. Quindi, pur trattandosi di un impianto ad acqua salata sussistono delle notevoli differenze.
Unica Pool è un leader nel settore delle piscine, lavorando da anni per garantire ai propri clienti la soddisfazione delle proprie esigenze, il massimo comfort e la realizzazione di una piscina su misura. Unica Pool investe ogni giorno per implementare le proprie tecnologie, come il design modulare e il solarium integrato, tratti distintivi del brand. Affidati a un prodotto di altissima qualità per rendere unica la tua casa e per realizzare la piscina dei tuoi sogni.